Con grande piacere Vi comunichiamo che, in accoglimento delle richieste che Federfiori-Confcommercio ha fatto pervenire al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i fioristi sono presenti nell’elenco dei codici Ateco che riceveranno un contributo a fondo perduto.

In attesa della versione definitiva, è stata pubblicata la bozza del decreto per il ristoro. Il nuovo contributo a fondo perduto andrà “a tutti gli operatori dei settori economici interessati dalle misure restrittive”, senza limiti di fatturato (quindi anche a chi supera i 5 milioni) e avrà un tetto massimo di 150 mila euro. La lista delle attività (i codici Ateco) e dei relativi ‘coefficienti’ di indennizzo è stata soggetta a limature fino all’ultimo minuto.

I contributi interessano tutta la filiera agricola, compreso, quindi, il Commercio al Dettaglio di fiori e piante (codice Ateco 47.76.10) e il Commercio al dettaglio ambulante di fiori e piante (codice Ateco 47.89.01).

La corresponsione del contributo sarà accreditata automaticamente sul conto corrente bancario o postale dei soggetti che hanno precedentemente ricevuto il contributo dal Decreto Rilancio. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate saranno definiti termini e modalità per la trasmissione delle istanze per coloro che non avevano presentato la richiesta di contributo.

Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte